11/02/2014

CM Storm Quickfire XT

Ed eccomi qua, a circa un anno dall’inizio della mia prima esperienza con una tastiera meccanica a provare un nuovo esemplare, stavolta dotato di switch Cherry MX Blue, una fiammante CM Storm Quickfire XT ritirata giusto giusto stamattina dal celebre store Drako.it.

quickfireXT00

Era da tempo che stavo meditando di acquistare una nuova tastiera, non perchè non fossi soddisfatto della Ozone Strike, ma per la pura e semplice curiosità di (letteralmente) mettere le mani su un differente tipo di switch Cherry MX e quindi un feeling totalmente diverso.
Purtroppo sui miei primi pc non ho avuto la fortuna di utilizzare una tastiera meccanica, ricordo però con grande piacere e nostalgia le poche esperienze su pc altrui dotati di IBM Model M o simili, ricordo il gradevole feeling tattile degli switch, il piacevolissimo suono prodotto dalla digitazione, ecco perchè non ho avuto dubbi e per questa mia seconda tastiera meccanica ho scelto un modello dotato di Cherry MX Blue.

quickfireXT02

Esteticamente ho scelto un modello che imho rappresenta una via di mezzo tra le tastiere dal design tradizionale (es Cherry G80 oppure le bellissime Filco Majestouch) e le tastiere dal design stravagante e imho orripilante (pensiamo ad esempio ai modelli prodotti da Razer, piuttosto che le orribili Logitech da gaming).

quickfireXT03
La Quickfire XT si presenta con un design pulito ed essenziale ma caratterizzato da dimensioni compatte e da forme arrotondate, il lato che presenta il connettore usb (quasi minimalista nella sua semplicità) mostra soltanto il logo CMStorm posizionato sul lato opposto che trovo carino e discreto, per concludere i font selezionati per i keycap sono moderni quasi stilizzati.

quickfireXT05

Riguardo agli switch devo confessare che l’impressione iniziale è stata… “amore alla prima digitazione”, ancora adesso mentre scrivo queste poche righe mi si riempie il cuore a sentire questo piacevole “clickettio”, in fondo basta poco per fare felice un kender nerd :D

Tirando le somme confesso di essere ESTREMAMENTE SODDISFATTO, quando iniziai ad usare la Ozone Strike (che reputo ancora oggi una ottima tastiera, forse una delle migliori basate su switch MX Black) provai un po’ di disorientamento (forse dovuto anche al layout un po’ più compatto rispetto alla mia precedente – e mai rimpianta – Logitech G510) e sperimentai qualche errore di battitura di troppo (poi svaniti con l’abitudine), ora con questa Quickfire invece mi trovo immediatamente a mio agio e trovo la digitazione più piacevole, leggera (merito del minor sforzo attuativo degli switch) e veloce.
Unico neo è l’inevitabile suono (chiamarlo rumore non mi è possibile) prodotto dagli switch MX Blue che può causare grande fastidio in chiunque si trovi in stanza con voi mentre usate la tastiera.

quickfireXT01

28/11/2013

Seagate ST2000DM001

In quest’epoca di continue evoluzioni sul fronte solid state fa un po’ specie parlare di un buon vecchio disco meccanico, sta di fatto che mi sono acchiappato un esemplare di suddetto disco Seagate.

Confesso di essere sempre stato più propenso ad acquistare unità di questo produttore rispetto all’agguerrito concorrente Western Digital, non ho pregiudizi ne verso quest’ultimo produttore, semplicemente le unità Seagate su cui ho lavorato mi hanno più favorevolmente impressionato per performance e affidabilità.

Pare che queste mie impressioni abbiano trovato un’ulteriore conferma con questa unità, senza pormi alcun problema su settaggi da bios o altro l’ho connessa, partizionata, formattata e ho lanciato due benchmark veloci veloci giusto per non saper ne leggere ne scrivere…

HDTune_Benchmark_ST2000DMST2000DM001-1CH1

crystal_disk_seagate2GB

Ma guarda un po’… e chi se le sarebbe aspettate queste performance da un disco meccanico, per giunta economico!
Stiamo a vedere come si comporterà in futuro, per il momento lasciatemi levare tanto di cappello di fronte a questo ennesimo gioiellino Seagate.

22/08/2013

Muletto ARM

Dalle analisi degli accessi noto con grande piacere che c’è sempre grande interesse riguardo ai server domestici, se preferite “muletti”.

Di recente il mio storico Epia 5000A ha subito un brutto colpo, una serie di guasti allo storage l’hanno costretto ad un down forzato, vista poi la difficoltà a reperire hard disk PATA sono stato costretto ad acquistare un adattatore IDE-SATA il quale a sua volta mi ha costretto a ritrasferire l’Epia nel primo storico case a causa di problemi di spazio (fisico stavolta).

Naturalmente nessun dato è stato perso grazie ai rigorosi piani di backup che ho implementato nel tempo, questa pausa però mi ha spinto a riflettere un po’ sul futuro del mio server domestico.
In tal senso l’esperienza con Raspberry PI è stata illuminante, le possibilità software sono pressochè le stesse del mio Epia x86, l’assorbimento è di gran lunga inferiore (meno di 1/5 in idle, addirittura circa 1/9 a pieno carico), la temperatura da dissipare pressochè trascurabile, gli ingombri ridottissimi, le performance simili.
L’unico aspetto limitante di Raspberry PI è lo storage, dover ricorrere ad un disco usb alimentato mediante un hub usb rappresenta un vero scoglio, o per lo meno trasformerebbe quello che oggi è un bel case ordinato e compatto in una foresta di mangrovie di cavi.

Una soluzione ci sarebbe, si tratta del progetto Fairywren, una mainboard mini-itx a cui connettere Raspberry PI con tutto l’occorrente per storage, rete, alimentazione, hub usb interno, un piccolo gioiellino che sta nascendo su Kickstarter e che rappresenterebbe una vera manna per chi come me vorrebbe usare Raspberry come server domestico.

7c2e31c35874e3490fd698071c48ca52_large

 

Frequentando vari forum però mi è stato giustamente fatto notare che al di la dell’hype generato dal progetto Raspberry PI è basato su un SoC relativamente antiquato e piuttosto limitato in termini di risorse, idem per quanto riguarda progetti simili tipo BeagleBone.
Così sono venuto a conoscenza di altri progetti molto più interessante, magari meno rivolti alla ricerca o alla sperimentazione ma dotati di più risorse, insomma il perfetto punto di contatto tra le esigenze server e i vantaggi delle architetture ARM.

Due hanno attirato la mia attenzione, entrambi dotato di SoC Cortex A20 dual core, entrambi dotati di 1GB di ram DDR3 e un canale SATA, si tratta di:

Cubieboard 2

Cubieboarda2

Olimex A20-OLinuXino-MICRO

A20-OLinuXino-MICRO-0

Entrambi ottimi progetti, simili dal punto di vista hardware ma differenti come approccio e filosofia di base.
Cubieboard 2 ha al suo attivo una comunità abbastanza diffusa, un forum piuttosto popolato e un layout piuttosto compatto, OLinuXino A20 è meno diffuso, un layout più “affollato”, una comunità meno popolosa ma è dotato di un gran numero di interfacce GPIO (quindi molto più indicato per la ricerca e applicazioni pratiche, un approccio simile a Raspberry PI per intenderci), entrambi sono progetti open hardware.

Di per se sarei fortemente attratto da entrambi questi progetti, l’unico aspetto che mi lascia dubbioso è il layout di questi sistemi, bellissimo e compatto ma difficilmente integrabile con un case ordinato e altrettanto compatto, insomma se dovessi utilizzarli mi ritroverei con una foresta di mangrovie di cavi come con Raspberry PI

Quasi in risposta alle mia suppliche il team di Cubieboard ha annunciato un nuovo progetto open hardware chiamato Cubietruck che prevede:

  • SoC A20 Cortex-A7 Dual Core
  • 1 o 2 GB di ram
  • canale SATA
  • interfaccia di rete Gbps

ma soprattutto grande attenzione al layout, tanto da essere sovrapposto a quello di un hard disk da 2.5″, e addirittura pubblicando un prototipo di case veramente fantastico.

CT_YKL-3

 

Mio al DAY1!!!

[EDIT]

Good news! Sembra che la produzione di Cubietruck stia per iniziare! Yuppi!!!! :)

05/08/2013

Dell OpenManage email alert

Uno degli aspetti che più mi solletica dei server Dell è il loro eccellente parco software, sia per quanto riguarda gli aggiornamenti ma soprattutto riguardo ai sistemi di monitoring.

La punta di diamante del monitoraggio Dell è rappresentata dall’ottimo OMSA (OpenManage Server Administrator), disponibile per quasi tutti i sistemi operativi più diffusi, stabile e relativamente leggero (per lo meno per la disponibilità di risorse attuali).

Uno degli aspetti di OMSA che ho notato mette in difficoltà clienti e amministratori è la notifica di alert via email; l’approccio di Dell a tal proposito è votato alla più totale flessibilità, anzichè dedicare qualche stringata opzione per la definizione di SMTP, sender e destinatari OMSA permette di definire per ciascuna risorsa uno script che viene lanciato ogni volta che si verifica un alert relativo alla risorsa stessa.

Di default le risorse da monitorare non prevedono alcun alert (es Watchdog ASR).
omsa1

Come vedete nel dettaglio ciascuna risorse prevede la possibilità di lanciare uno script locale.
omsa2

Se vogliamo inviare una mail lo script è presto fatto.
Nel caso vi troviate a che fare con un server Windows basta utilizzare l’ottimo blat, potete prendere ad esempio lo script che ho utilizzato per la schedulazione di clamwin.
Per server con distribuzione GNU/Linux la soluzione è ancora più semplice, basta un banale script bash per inviare mail tramite il comando mail (es /etc/Dell/mail.sh).

#!/bin/sh
TESTO="Verificare lo stato del server"
echo $TESTO | mail -s "[OMSA] PROBLEMA SERVER" [email protected],[email protected]

Una volta creato lo script ricordate di dargli diritti di esecuzione (chmod +x /etc/Dell/mail.sh), nel caso dobbiate utilizzare un altro server per il relay SMTP fate riferimento alla documentazione dell’MTA utilizzato (es sendmail piuttosto che postfix).

Ora viene la parte pallosa, Dell OMSA prevede una serie di servizi per cui attivare le notifiche (giusto come esempio 34 su PowerEdge 2950, 38 su un R710), definirli uno a uno è un lavoro palloso, che diventa impossibile nel caso di troviate a che fare con decine di server.
Per fortuna ci viene in aiuto il set di utility command line di OMSA, con il comando “omreport system alertaction” potete verificare lo stato dei servizi.
Con il comando omconfig potete configurare tutti gli alert con un singolo comando sfruttando le poderose features della bash:

for device in $(omconfig system alertaction -? | grep "event=" | \ 
cut -d'=' -f 2 | awk '{print $1}') ; \
do omconfig system alertaction event=$device \ 
execappath=/etc/Dell/mail.sh ; \
done

Ecco fatto, gli alert per tutti i servizi sono configurati, non vi resta che tenere d’occhio la vostra email nella malaugurata ipotesi si rompa qualcosa.
omsa3

E non lesinate sui contratti di supporto!!! :O

17/05/2013

Vmware su IBM DS5000

Giusto per ricordare cos’è lo storage serio a chi considera Qnap e Synology dispositivi professionali e performanti…

HDTune_Benchmark_VMware__Virtual_disk

« Post precedenti | Post successivi »